English Deutsch Italiano
Schrift verkleinern Schriftgröße ändern Schrift vergrößern

Portal Mappa

Per favore selezionare

Patrimonio romanico

Cerca i siti romanici nella regione selezionata

Eventi

Cerca gli eventi nella regione selezionata

Arte Letture
Mostre Altro
from: to:

Notizie / Il Medioevo / Personaggi
Stampa questa pagina


Santi, sovrani, artisti: appuntamento con i personaggi della storia

 

Incontrate gli affascinanti protagonisti del Medioevo nelle regioni di TRANSROMANICA! Fate una tappa in Sassonia-Anhalt, sulle orme dell'Imperatore Otto il Grande o calatevi nell'esperienza della „Kaiserfrühling" (letteralmente "la primavera dell'Imperatore) visitando la sua reggia a Quedlinburg. In estate recatevi invece a Terri Matildici durante la cosiddetta „Settimana Matildici". Oppure seguite i pellegrini sul sentiero di Santa Emma (Hemma-Pilgerweg) in Carinzia e in Slovenia!

 

Attraverso i personaggi storici è possibile comprendere meglio il passato. E il Medioevo è ricco di nomi e di leggende!
Avete mai sentito l'espressione "andare a Canossa"? Questa frase deriva dal lungo viaggio che Re Enrico IV di Germania intraprese nel gennaio 1077, partendo da Speyer, in Germania, fino alla fortezza di Canossa, in Emilia Romagna (Italia) e dagli avvenimenti legati proprio a questo viaggio.
Papa Gregorio VII, che temeva l'esercito di Re Enrico, lo scomunicò e poi fuggì in quella che oggi è l'Italia settentrionale, per guadagnarsi l'appoggio delle città locali. Qui incontrò Matilda, Contessa di Toscana, che gli offrì un rifugio contro gli attacchi del Re Enrico. Matilda era la figlia di Bonifacio III, all'epoca conte di Modena e Ferrara.
Gregorio e Matilda si rifugiarono insieme nella fortezza di Canossa. Dopo un lungo e impervio cammino tra le Alpi, Re Enrico giunse alle porte di Canossa, ma dovette aspettare ben tre giorni prima di ottenere dal papa il permesso di entrare. Re Enrico si inginocchiò di fronte a lui e lo prego di perdonarlo. Alla fine il papa lo perdonò, ponendo così fine della sua scomunica.


Un imperatore, la cui influenza si estese in tutta l'Europa, fu Otto il Grande (912 - 973). L'imperatore Otto I fu il personaggio forse più importante dell'Europa centrale in tutto il X secolo. Magdeburgo fece da sfondo suo al matrimonio con la principessa Edith d'Inghilterra († 946) nel 929. La città, infatti, fu regalata alla novella sposa, come dono di nozze. Nelle vicinanze di Quedlinburg, l'Imperatore fece erigere il castello che divenne poi il palatinato degli imperatori di Sassonia.
Grazie alle sue politiche esemplari, la città divenne uno dei principali centri di governo del X secolo. Dopo la morte della regina Edith, e alla fine della sua prima campagna d'Italia (951-952), l'Imperatore sposò Adelaide di Borgogna. Come segno di gratitudine, Otto I ordinò, nello stesso anno, la costruzione della Cattedrale di Magdeburgo, predecessore dell'edificio che si può ammirare ancor oggi. Dopo la sua seconda campagna d'Italia (961 - 965), Otto il Grande è considerato uno dei fondatori del Sacro Impero Romano. La leggenda narra infine che il cuore dell'Imperatore sia sepolto a Memleben, il luogo dove questi morì.


Un altro personaggio dell'epoca medievale degno di nota è Emma von Gurk, ancor oggi venerata come Santa in Carinzia. Nell'XI secolo, Emma consacrò la sua vita a Dio e iniziò a distribuire con grande generosità le sue ricchezze ai poveri, fondando anche numerose case religiose. A Gurk, Emma fece costruire una chiesa dedicata alla Vergine Maria, che venne poi ampliata, diventando la Cattedrale di Gurk. Dopo la sua morte nel 1045, Emma fu sepolta nella chiesa di Gurk e le sue spoglie sono conservate ancor oggi nella cripta sotto il coro. Tuttavia, solo nel XX secolo, e più precisamente nel 1938, Emma ricevette la più elevata delle onorificenze: la canonizzazione ufficiale (cui seguì la proclamazione della sua festa, da celebrarsi il 29 giugno, insieme ai SS. Pietro e Paolo). Il 25 giugno 1988, Papa Giovanni Paolo II, recatosi in pellegrinaggio a Gurk, celebrò una messa in onore di Santa Emma, alla presenza di 80.000 pellegrini. Oggi infatti, i pellegrini che lo desiderano possono seguire il "Cammino di Santa Emma", che va dalla Carinzia fino in Slovenia.